Anche oggi è un’altra giornata uggiosa, qui in Toscana il tempo è grigio e piove, perciò niente momenti in giardino a giocare con i miei cani sotto a un bel sole che iniziava a essere caldo. Mentre me ne stavo a ciondolare per casa annoiata ho pensato di sfruttare questo (troppo) tempo libero per condividere con voi qualche consiglio su come trattare i nostri capelli. Per ogni donna i capelli sono un elemento importante del proprio aspetto, possono influenzare molto l’umore, specialmente in noi donne; famoso è il pensiero per cui quando una donna cambia il look dei propri capelli, è perché vuole cambiar vita.

In questa fase di cambiamento ci sono passata a più riprese, generalmente dopo qualche rottura importante, tuttavia alle volte la mia decisione di modificare il mio aspetto non ha propriamente portato a risultati auspicabili. Nel 2015 ebbi la malaugurata idea di tagliare i capelli in un caschetto sbarazzino, volevo essere diversa e volevo che il mondo se ne accorgesse! Certo, era un bel taglio e non mi stava nemmeno poi così male, ma per una come me che ha il culto sacro del capello lungo, quella decisione presa sull’onda dell’emotività, mi è costata anni di rimorsi. Da allora colorazioni e decolorazioni hanno contribuito a danneggiare i miei capelli che non riuscivano più a crescere sani e forti; lo saprete anche voi qual è il peggior nemico di chi vuole i capelli lunghi: le doppie punte e capelli sfibrati e spezzati.
Così è nata la mia missione: tornare ad avere capelli sani e vitali!

Ne ho provate di ogni: da prodotti promossi come miracolosi sui social che promettevano crescite così impressionanti da essere incredibili, e difatti tali si sono rivelate non funzionando affatto, a prodotti costosi del parrucchiere, eppure sebbene su questi ultimi non ci sia il dubbio della loro efficacia, mi sono resa conto che non erano sufficienti. Sì, il capelli ne ha giovato, ma non come mi sarei aspettata. Quindi ho iniziato a chiedermi dove sbagliassi e ho fatto tentativi, ricerche, alla fine sono arrivata all’equilibrio perfetto!

Se sei pigra questa routine non fa per te! •

Prima cosa ho iniziato a prendere un integratore che contenga biotina, molto utile per capelli e unghie, e tra le tante possibilità io personalmente ho scelto quello della Swiss specifico per capelli, pelle e unghie in compresse. Ne assumo una compressa una volta al giorno così da aiutare i miei capelli anche dall’interno e non solo dall’esterno.

Ovviamente voi potete scegliere tra i molti prodotti in commercio quale ritenete più adatto alle vostre esigenze, un consiglio che posso darvi di preferire l’acquisto da Amazon, lo stesso identico articolo costa la metà rispetto al prezzo fatto in farmacia.

Ciò che però ritengo sia un elemento che non deve mancare nell’integratore che andrete a scegliere è appunto la biotina.

Per quanto possa sembrare strano e possiate avere capelli grassi sulla cute, dovrete resistere alla tentazione di lavarli troppo spesso. Se proprio non potete evitarlo perché magari fate sport e sudate, preferite uno shampoo ideale per lavaggi frequenti, ma se non ne avete la necessità, resistete! Lavare troppo spesso i capelli non farà altro che renderli più sottoposti all’ungersi. Ho per anni avuto il problema dei capelli grassi, dopo un giorno e mezzo erano di nuovo da lavare, la parrucchiera mi disse di non lavarli più di due volte a settimana. Non è stato facile, all’inizio, ma dopo un po’ di tempo iniziai a vedere i primi risultati. Adesso, che continuo a lavarli due volte a settimana, i capelli restano puliti fino a quattro giorni e, quando vado a lavarli, non sono mai unti.

Lava i capelli con prodotti adatti al tuo tipo di capelli solo 2 volte a settimana!

• Prima di lavare i capelli •

Prima di arrivare al lavaggio, ancora a capelli asciutti, ciò che faccio è applicare sui capelli una quantità sufficiente di olio di cocco. Ne ho scelto uno biologico, spremuto a freddo, che sarà bianco e sodo, perciò prima di applicarlo lo scaldo tra i palmi delle mani, ungendole ben bene. Se avete tendenza al capello grasso, vi consiglio di applicare l’olio di cocco solo sulle lunghezze, evitando la cute. Spalmato bene su tutta la testa, raccolgo i capelli in una pinza e lascio in posa quanto più possibile, ma almeno 20/30 minuti io lo lascerei agire (io lavorando da casa lo tengo in posa anche qualche ora).

Sembra incredibile, ma ho visto la differenza già dopo la prima applicazione, i miei capelli, che di solito risultavano secchi e crespi, erano invece lisci e setosi. Un toccasana per i capelli!

L’olio di cocco, tuttavia, non basta a sfamare la mia voglia di vedere i capelli più vitali, così dopo un po’ di tempo che ho l’olio di cocco, aggiungo nelle lunghezze anche una maschera che alterno tra una adatta a capelli sfibrati e nutriente, e una maschera che invece sia idratante. Lo so, la mia è quasi una malattia, ma ci tengo ai miei capelli e ogni sacrificio vale la pena.

Questo perché la maschera rinforza ancora di più l’azione già eccezionale dell’olio di cocco, scegline una ideale per i tuoi capelli.

• Lavaggio capelli •

Lavate i capelli con cura, prima di passare lo shampoo eliminate con l’acqua i residui della maschera e dell’olio di cocco. Dopodiché procedete con shampoo appositi per voi, io mi faccio sempre consigliare dalla mia parrucchiera, costano di più, ma danno risultati migliori. L’importante è che sia adatto al vostro tipo di capello.

Mentre passate lo shampoo concentratevi sulla cute e massaggiatela con movimenti circolari, perdete un po’ di tempo in questa operazione, massaggiare la cute migliora la circolazione del cuoio capelluto e lo rende quindi più forte e dovrebbe accelerarne la crescita.

Due mani di shampoo, dopodiché applico un condizionatore da lasciare in posa qualche minuto prima di risciacquare con cura ogni residuo con acqua fresca.

Preferite il condizionatore al balsamo in quanto, il condizionatore, non appesantisce e non unge il capello.

• Asciugare i capelli •

Asciugare i capelli è forse la parte più importante, perché è in questa fase in cui il capello può rovinarsi di più. Quando asciugate i capelli nel telo, evitate di strofinare, ma frizionate con delicatezza per rimuovere l’eccesso di acqua. Evitate la spazzola termica che spezza i capelli, pettinateli invece con spazzole dalle setole morbide o di legno che rispettano la struttura del capello.

Se volete potete passare qualche goccia di olio di semi di lino per dar loro lucentezza o altri prodotti da applicare a capelli umidi senza risciacquo.

Pettinate sempre i vostri capelli con cura, da bagnati evitate pettini dai denti stretti (preferite i denti larghi) o spazzole troppo rigide, il capelli bagnato è elastico e si spezza molto più facilmente di quando è asciutto.

E arriviamo all’asciugatura vera e propria! Il phon è vostro amico, ma va utilizzato con parsimonia. Non selezionate il calore massimo, scegliete invece il calore intermedio per non rovinare e disidratare troppo i capelli. Io asciugo i capelli, inizialmente, a testa in giù per dar più volume, e pettinate con le dita i capelli, mentre li asciugate. Una cosa importante sarebbe di non asciugare completamente i capelli, ma lasciarli leggermente umidi per non disidratarli eccessivamente. Questo sarà davvero di aiuto ai vostri capelli. Evitate di pettinarli o metterli in piega con spazzole termiche, nemiche per la salute dei capelli. Usate sempre spazzole dalle setole naturali e morbide.

A seconda dal tipo di capello, se è liscio, mosso o riccio, ovviamente dovrete adottare sistemi di asciugatura diversa che renda al meglio la piega naturale dei vostri capelli.

• La piega •

Nella mia routine il posto per piastre classiche e affini si è drasticamente ridotto. Non è certo un mistero che il calore così alto danneggi i capelli, ma se proprio non potete farne a meno abbiate cura di farlo con capelli perfettamente asciutti! Io utilizzo la piastra classica solo in poche occasioni, altrimenti preferisco fare la piega con la spazzola. Prima di passare la piastra è importante proteggere i capelli con un prodotto apposito termo-protettore.
Da poco, ammetto, ho acquistato il Dayson Airwarp, per chi può permetterselo lo consiglio, permette di fare molte pieghe, comprese le onde, senza rovinare i capelli lavorando unicamente con la forza dell’aria.

Evitate di stressare i capelli con calori eccessivi, meno li maltratterete, più gioie vi regaleranno. Per me è stata dura, all’inizio, ma ho capito che ci sono metodi alternativi e non per forza dannosi, la piastra resta comunque nel mio cassetto, ma la utilizzo solo in rare occasioni.

Con questo è tutto! In realtà ho omesso altri prodotti che applico ai capelli, l’ho detto che per me è quasi una malattia. Spero che i miei consigli possono aiutarvi a ritrovare la chioma che avete sempre desiderato.

xoxo Sara

2 Comments on “Hair Care”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: